artrite reumatoide · autoimmunità · condivisione · GRATITUDINE · lightworker · magia · meditazione · polvere di stelle · RIFLESSIONI · starseed

Nessuno aveva detto che sarebbe stato facile. Dell’Universo e della Fiducia.

Posso parlare della tristezza, della voglia di mollare, delle giornate grigie anche quando fuori splende il sole.

Posso parlare dell’apatia, di quei momenti più o meno prolungati in cui si dormirebbe per ore o addirittura giorni senza muovere un muscolo, respirando appena. Posso parlare di quando manca la voglia persino di farsi una doccia, lavarsi i capelli, uscire dal letto e aprire gli occhi e magari lo si fa perché c’è un figlio, o un cane che in qualche modo ci costringono a vivere, a tenere duro un altro giorno.

Posso perché ci sono passata, più e più volte nei miei anni di malattia e ringrazio per aver avuto e aver cercato sempre la forza di non mollare mai, anche quando sembrava che lo stessi facendo, anche quando non vedevo motivo per alzarmi dal letto.

Chi mi legge da un po’  sa che non ho mai mollato, ma sa anche che ho avuto le mie crisi. Non è sempre tutto facile come quando si legge un post:  vivere non è come raccontare o leggere, implica coraggio, una dose illimitata di coraggio e fede in se stessi – cosa che mi è sempre mancata fino al dicembre 2016 – . Raccontare mette tutto su un unico livello: quello dell’esperienza avvenuta. Vivere significa allacciare le cinture alla meno peggio e salire su montagne russe costruite da operai ubriachi sulle sabbie mobili. Non sai come nè se ne uscirai, ma sai che non puoi fare altro che andare avanti, mettere i piedi uno davanti all’altro come in trance e tenerti stretta. Qualcosa succederà, in qualche modo sarai cambiata dopo quell’esperienza.

Ogni lotta combattuta regala un po’ di forza in più, un po’ di coraggio e la determinazione per affrontare il periodo successivo. A volte non c’è nemmeno una pausa tra i due, è solo un susseguirsi di tristezza e fatica e paura e angoscia e incertezze e domande che finiranno per restare, ancora una volta, senza risposta. A volte questo momento duro è così lungo da togliere il fiato, non c’è nemmeno tempo per leccarsi una ferita che se ne apre un’altra e ci chiediamo: perché? Quando finirà? Cosa sta succedendo? Come sopravviverò?

Quello che ho imparato l’ho sempre messo al servizio di altri che avessero voglia e bisogno di iniziare un cammino di consapevolezza come stavo e come avevo fatto io tanti anni prima, e come quando raccontavo dell’artrite reumatoide per aiutare chi stava vivendo lo stesso inferno, parallelamente nella vita di ogni giorno ero disponibile per le amiche o gli sconosciuti che capitavano sulla mia strada e avevano bisogno di una mano tesa. Ho usato il coraggio e la passione che mettevo nella mia lotta contro la stronza per crescere, per imparare più cose possibili su di me, sulla vita, sull’Universo e le sue leggi, sulla natura, su Dio. Ogni cosa che imparavo la mettevo prima in pratica su me stessa e quando vedevo che funzionava ecco che mi capitava di incontrare qualcuno che aveva bisogno proprio di quel consiglio, di quella spinta per fare un passo avanti.

Mentre qui sul blog usavo le mie conoscenze in materia di autoimmunità per aiutare gli altri, al di là dello schermo lavoravo su di me in tantissimi modi diversi, aiutando il processo di guarigione sia fisico che mentale, ripulendo vecchie ferite e aprendone di nuove, incontrando persone giuste al momento giusto e persone sbagliate nel momento perfetto per imparare un’altra lezione. Capivo che più mi abbandonavo al flusso e non cercavo di controllare, più l’Universo mandava quello di cui avevo bisogno in quel momento.

L’Universo ha un modo tutto suo di raccontare storie 😉 se fosse una persona direi che sarebbe più sarcastica che compassionevole.

Se chiedi ti viene dato, se ti arrendi avrai sorprese meravigliose. Ma devi essere disposto a metterti in gioco. L’Universo non è uno da solitario: se vuoi qualcosa devi lavorare per ottenerla.

Come? Fidandoti e lasciandoti andare. Togliendo il freno a mano.

L’universo risponde. Sempre. A volte mi dicono: “io chiedo ma non risponde mai…”: ci sono due possibilità: o non stai guardando con attenzione, oppure ti sta già rispondendo, con la sua assenza di risposta.

Ma prima di arrivare a questo, ai miei discorsi con gli Angeli e alle chiacchiere che faccio con l’Universo sono passata attraverso lo yoga, la meditazione, le lacrime, i libri, le passeggiate di ore in completa solitudine, la tristezza, la sensazione che fosse troppo e che non avrei sopportato un’altra prova, e poi quella forza che ho sempre avuto dentro spingeva per uscire e mi trovavo a rinvasare una piantina appena comprata o a giocare con Lampo seduta per terra, o a meditare per ore o a scrivere e quando mi guardavo indietro mi accorgevo che il peggio era passato e che avevo imparato qualcosa, che le ferite che credevo mi avrebbero uccisa non solo si erano chiuse ma avevano portato con sé una nuova pelle, nuova consapevolezza  e rinnovata determinazione.

Avrei voluto scrivere di queste esperienze già molto tempo fa, ma la fiducia in sé stessi non è una cosa che arriva come un dono dall’oggi al domani, come per tutto il resto ho dovuto lottare. E ne è valsa la pena. Il panorama da dentro di me è magnifico.

Fidarmi mi ha portata alla remissione di una malattia devastante che mi stava mangiando viva, e pezzo dopo pezzo ho distrutto quello che restava della vecchia me e sono rinata.

Oggi sento che posso essere d’aiuto a chi ancora soffre e non sa da dove iniziare il cammino, non perché io sia arrivata anzi – sono sempre per strada e credo che ci resterò fino al mio ultimo respiro in questo corpo mortale perché ogni volta che si impara qualcosa si aprono nuove domande e aumenta il desiderio di mettere insieme un altro pezzo del puzzle – ma perché questo viaggio è tutt’altro che una passeggiata e anche se è bellissimo camminare da soli, a volte in due non è poi così male 😉

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...