artrite reumatoide · autoimmunità · condivisione

Vita con l’ARTRITE REUMATOIDE, il dolore cronico e del Coraggio.

Ho notato che spesso mi viene detto che sono coraggiosa, o mi vengono fatti i complimenti  -a proposito della Reboot in particolare –

Li accetto volentieri ma vorrei spiegare una cosa importante.

Questo blog non è nato perchè mi piace mettermi in vetrina: non mi trovo a mio agio nel farlo e ogni codivisione dei miei post mi mette l’ansia. Il pensiero di parti di me così intime che si perdono chissà dove, lette da chissà chi mi raggela.

Ma ho deciso di farlo perchè possa servire a quante più persone possibile, perchè nessuno debba vivere quello che ho vissuto io per 25 anni.

Perchè quella non è vita, perchè il dolore cronico ti uccide lentamente, perchè uccide TUTTI quelli che ti vogliono bene e che ti vivono accanto.

Ho deciso di farlo perchè mi sono sentita chiamata a farlo, perchè ho scelto di trasformare un avvenimento che avrebbe potuto distruggermi, in un inno alla vita.

Quindi grazie se credete che sia coraggiosa, ma io non vedo coraggio nel bere succhi di verdura. Kikka giuro che non è polemica ❤ è solo uno spunto preso da un tuo commento …

Il coraggio è stato piuttosto non arrendersi, non farsi sopraffare, non cadere in depressione e riuscire sempre a trovare il lato positivo durante questi 25 anni di guerra. Cercando di non dimenticare che era una guerra contro me stessa. Il che significa anni di terapia e lavoro su di me per imparare a non odiarmi e a volermi bene.

Coraggio era uscire dal letto quando nessuna parte del corpo era immune dal dolore, un dolore così atroce da rendere impossibile anche i pensieri.

Coraggio era sapere che la giornata sarebbe passata tra atroci sofferenze senza alcuna possibilità di miglioramento.

Coraggio era stendersi la sera senza provare nessun sollievo se non maggior dolore, sapendo che la notte e la mattina seguente e i giorni a venire sarebbero stati uguali, se non peggiori.

Coraggio è stato affrontare questi 25 anni senza perdere la speranza, prendendola come un’avventura dalla quale trarre il maggior numero di insegnamenti possibili.

Parte del merito va a mio figlio, la sua sola presenza è un antidepressivo ❤

Grazie anche a voi, siete stati un bell’incoraggiamento!

Annunci

20 risposte a "Vita con l’ARTRITE REUMATOIDE, il dolore cronico e del Coraggio."

  1. Sono d’accordo con te.
    Il coraggio è stato il tuo non mollare e cedere alla depressione..
    Il coraggio è stato non fermarti ai farmaci prescritti ma cercare da sola altre vie nonostante alcuni medici..
    Coraggio è stato trovare, informarti e provare la reboot sulla tua pelle.
    E il fatto che ti faccia stare bene te lo meriti tutto ❤️

    Piace a 1 persona

  2. In una giornata nella quale mi sento arrabbiata, anzi incaz…. per una serie di cose e persone…ringrazio te per le tue parole, perchè mettono a posto il mondo. Ci sono grandi progetti da portare avanti, occorre dare la giusta prospettiva alle cose e imparare da chi affronta situazioni delicate e dolorose con forza e volontà

    Piace a 1 persona

  3. Ed è questo coraggio, quello che descrivi tu, che ammiro, perché io sono tentata ogni giorno di arrendermi e, a volte, invece che studiare alternative, studio itinerari per la Svizzera … non per curarmi.
    Perché, hai ragione, questa non è vita, e vorrei poterla lasciare con dignità, come l’ho sempre vissuta, se dovessi arrivare a non sopportare più il dolore, che è atroce, e l’incapacità di fare le più elementari cose di ogni giorno.
    Tu sei un puntino luminoso in più della speranza, che ancora non mi ha del tutto abbandonato.
    E ti ringrazio per questo, per il tuo blog, costruito a fatica, perché hai “scelto di trasformare un avvenimento che avrebbe potuto distruggerti, in un inno alla vita”. Io voglio vivere, ma non voglio farlo così! Sappi che quando ogni giorno mi faccio forza e mi impongo di non mollare, io penso anche a te … e ogni giorno arrivo a sera. Grazie. ❤

    Piace a 2 people

  4. Serena, capisco il tuo commento.
    Tuttavia, vedi, io non patisco il tuo stesso problema, e sapendo che si tratta di una limitazione importante, non posso che ammirare la determinazione con la quale affronti la situazione.
    Mi sento umanamente coinvolto dai tuoi progressi, ne sono lieto (sei pure mia concittadina!), io ti vedo coraggiosa perché, al tuo posto, io forse sarei meno intraprendente.
    Smack!

    Piace a 1 persona

  5. ❤❤❤ penso che tutti sanno leggere la volontà nelle tue parole di aiutare il prossimo con la tua esperienza. La condivisione è sempre un atto di coraggio, mette a nudo ed espone però è bello quando qualcuno sa accogliere le parti intime che si è disposti a donare.
    Sto per comprarmi la centrifuga comunque! 😋😜

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...