artrite reumatoide · autoimmunità · condivisione · dolore cronico · GRATITUDINE · Reboot · RICETTINE · stanchezza cronica

Reebot. Una nuova avventura #Reboot #plantbased #fatsickandnearlydead

Ciao a tutti, come ho raccontato in un video oggi che trovate qui, ho passato il mese di agosto in una maratona su quasi tutti i docu-film sulla salute, cibo e malattie e sull’industria alimentare che potevo trovare. Dovreste dare un’occhiata prima che silurino Netflix e glieli facciano togliere.

Vi lascio subito qualche spunto:

  • Food matters, qui la pagina
  • Cowspiracy , qui per saperne di più
  • Forks over knife, qui e qui
  • Fat sick and nearly dead 1 e 2, qui e qui 
  • What the health, qui

Se avete Netflix potete vederli in italiano o con i sottotitoli, ma ci sono anche su facebook ho controllato, e su youtube e pure in streaming. Incredibile! La gente li guarda! E li cerca!

Sono fatti molto bene tutti e 5, parlano più o meno delle stesse cose ma con sfumature che conferiscono carattere ad ognuno e tengono attaccati al video fino all’ultima immagine. Lo dico subito per chi ha già l’ansia: non si tratta di film che vogliono farvi diventare vegetariani, o vegani, crudisti, fruttariani dell’ultima ora o guru di non si sa bene quale corrente new age. L’obiettivo è far riflettere. E secondo me hanno centrato l’obiettivo. Tutti.

Come sapete – o forse no – sto seguendo una dieta antidolore (L’alimentazione anti dolore) da quasi due mesi e le cose sembra stiano andando bene. Sono onesta: sto prendendo il metotrexate – anche se venerdi ho saltato l’iniezione – e 8mg. di cortisone al giorno, quindi il risultato ammetto potrebbe essere un pò sfalsato, ma conto di ridurre il cortisone gradualmente a partire da domani (mi fa un pò paura il trombino: la gamba ha ricominciato a farmi male e non so quanto possa influire sulla trombosi venosa profonda). Resta il fatto innegabile che mangiando così mi sento mille volte meglio di prima, ho più energia, più voglia di fare, meno fame e meno voglia di cibo spazzatura. Ho smesso di desiderare il pane ed è una conquista bella grossa, le prime settimane sono state abbastanza dure devo ammetterlo. Credo che in un certo senso siamo un pò tutti assuefatti e drogati da certi tipi di cibi e sapori (e coloranti!).

Il polso – quello da operare considerato inoperabile per tutti i danni che ha all’interno – non mi fa più male. A meno che ovviamente Lampo non mi strattoni il guinzaglio perchè vede passare una cagnolina dall’altra parte della strada, allora sono stelle negli occhi per qualche secondo, ma per il resto sto facendo di tutto. Cambio i letti, pulisco casa ogni giorno, corro come una trottolina…. si ragazzi…. perchè abbiamo un nuovo membro del branco qui!! Ne approfitto per presentarvi Mia:

20170827_094908
Dall’alto: Mia, Haki (ora con gli angeli) e Lampo

La sera a volte sento su braccia e mani il peso di tutta questa frenesia, ma è un piccolo prezzo da pagare per una serenità ritrovata che aspettavo e inseguivo da tanto.

Dopo aver visto Fat sick and nearly dead ieri  ho deciso di cominciare anche io una Reboot, come la chiama lui, o riprogrammazione del sistema immunitario con una dieta – a tempo – di sola frutta e verdura. Come spiegato ampiamente e molto chiaramente nei due film è un metodo che sembra drastico ma che può aiutare a guarire da malattie davvero molto serie. E non è propaganda: ci sono interviste di medici (una cardiologa del Mount Sinai per esempio) e lunghe testimonianze di persone che hanno provato in tutto il mondo.

Drastica è la vita che alcune persone si ritrovano a fare, se ci si pensa bene.

Delle stesse cose circa e di molto altro parlano anche il dott. Colin Campbell autore di The China study e il dott. Caldwell Esselstyn, protagonisti di uno dei film citati sopra: Forks over knife. Ci vuole fegato a guardare cosa mangiano gli americani, per fortuna non siamo ai loro livelli di intossicazione da junk food e medicine, ma queste diete fanno senz’altro bene anche a chi non è in fin di vita.

Come i protagonisti del film Fat sick and nearly dead (grasso, ammalato e quasi morto) ho deciso anche io di tenere un diario dei progressi e dell’avventura della mia Reboot, anche perchè credo che non sarà per nulla facile soprattutto all’inizio, per vedere e mostrare anche a voi se e come funziona.

Non mi sono posta obiettivi di scadenza. Non voglio decidere ora che durerà 3 giorni o 5 o 20 perchè credo che mi metterebbe nelle condizioni di iniziare una sfida con me stessa e già avrò poche energie i primi giorni, non voglio entrare in questo stato mentale. Credo che se farò 1 giorno andrà bene, se farò 2 giorni sarà un successo e se ne farò di più andrà bene uguale.

Sto facendo una lenta transizione. Diciamo che domani sarà il primo vero giorno perchè stamattina ho fatto colazione con uno yogurt di soia al naturale, due noci e bacche di goji, a pranzo uva (una quintalata credo) e passato di cavolfiore, cipolla e sedano, e stasera: un litro di centrifugato di:

  • 3 pere
  • 2 kiwi
  • zenzero fresco
  • 2 scatoline di mirtilli

20170828_200038

come al solito le mie foto di cibo fanno schifo: se dovevo convincervi a passare agli estratti questo post mi sa che ha fallito 🙂 ma credetemi era buonissima!

E mentre ho iniziato a scrivere l’articolo mi sentivo ancora al 100% dopo aver lavorato, fatto la spesa, pulito Mia, giocato con Lampo + passegiata, preparato la cena, fatto 2 lavatrici, sistemato un armadio, dato da mangiare all’adolescente e al resto del branco….ma ora sento che la batteria è esaurita e come ieri sera (vengo da un’altra giornata dieteticamente simile) sta iniziando il mal di testa. So che è normale i primi 3/4 giorni ma devo stendermi, quindi stacco tutto e alla velocità della luce mi metto a nanna.

Vi aggiorno presto ❤

 

Annunci

37 risposte a "Reebot. Una nuova avventura #Reboot #plantbased #fatsickandnearlydead"

  1. Ho letto il tuo post tutto d’un fiato.
    Inutile dire che con me sfondi una porta aperta.
    Sono davvero contenta dell’effetto che sta avendo la nuova dieta sul tuo dolore.. anzi, spero vada sempre meglio.
    Sono orgogliosa di te 😊!
    Dei documentari che hai citato ho visto solo Forks over knives dopo aver letto il libro e The china Study.
    Ora ho appena finito di leggere la dieta della longevità di Longo.
    Parla anche di dieta mima-digiuno in relazione anche alle malattie autoimmuni. In sostanza Dice che non ha effettuato abbastanza test per dare dei numeri ma che porta sicuramente dei benefici.
    Deve avere qualche affinità con il regime che stai adottando tu penso perché si tratta di un ciclo di 5 giorni da ripetere ogni mese o trimestre (a seconda della necessità) dove il primo gg si assumono in totale 1100 calorie e per i rimanenti 4, 800 calorie utilizzando verdure, frutta e grassi buoni come noci e mandorle. Lui sostiene che sia meglio farla sotto supervisione medica e non guidare o sottoporsi a fatica fisica.. peccato che non sia riuscita a trovare un medico che la conosca nei dintorni altrimenti mio marito ci avrebbe fatto quasi un pensierino..
    E comunque benarrivata a Mia e un bacione a te 😘

    Piace a 1 persona

          1. Probabilmente non aumenta il dolore in se ma diminuendo il cortisone inizialmente fa calare le tue forze intese come capacità di ripresa e reazione. Finché si “scarica” lui e parti tu, secondo me.
            Spero che oggi ti senta un po’ meglio 😘

            Piace a 1 persona

  2. Intanto un “benvenuta” a Mia, speriamo vada d’accordo con Lampo.
    Poi sono contento di leggere che tu riesca a svolgere tutte le attività domestiche senza eccessivi problemi, per quanto riguarda la dieta non dico nulla, io non ho la tua stessa forza di volontà per quanto riguarda il cibo.

    Piace a 1 persona

  3. Purtroppo mi rendo sempre più conto di quanto le persone usino la scusante “se non so, allora non succede” per giustificare le proprie abitudini.
    Non si tratta soltanto di pensare “poverino l’agnello, lo mangio solo a pasqua”, tutte le scelte che facciamo ogni giorno hanno delle conseguenze che è bene tenere a mente.
    E invece della bellezza di quella pallottilina di pelo ne parliamo? Ovviamente Lampo è sempre il mio preferito, ma fatico sempre a resistere di fronte a tanta dolcezza pelosa!

    Piace a 1 persona

  4. Molto interessante. Il cibo è fondamentale, lo dico da sempre. Io seguo un regime paleo, ma sono curioso di capire la tua dieta. Spero tu stia meglio amica mia, e spero la tua alimentazione ti sia d’aiuto per stare sempre meglio. Ce la farai. Lo so. 💪😃

    Piace a 1 persona

  5. Mi sto vedendo far sick and nearly dead! Mi sta venendo voglia anche a me di fare una reboot e volevo chiederti: ma tu per quanti giorni pensi di farla?
    Ho visto anche cowspiracy e niente domani tocca andare al supermercato a fare una spesa diversa! 😉

    Piace a 1 persona

    1. DAII!! GRANDE!!!!!!!!! Guarda what the healt mi raccomando!!!!
      Io sono al 5 giorno, l’è dura …. mi manca il cibo solido da morire….anche solo una pasta con farina di lenticchie…..ieri sera l’ho fatta a mio figlio con la peperonata, volevo morire….ma tengo botta…vediamo quanto ❤

      Piace a 1 persona

      1. Ho visto anche what the health and cowspiracy, mi sono intrippata! Per ora oggi ho fatto una spesa vegan guardando con disappunto il bancone della carne e del pesce… ahahahahaha! Sul reboot sto ponderando, devo prima di tutto comprarmi la centrifuga. Comunque hai il mio appoggio incondizionato per il reboot, avanti tutta!!!

        Piace a 1 persona

  6. SEI UNA GRANDEEEEEEEEEEEEE!!!!!!!!!!!!!! 🙂 🙂 c’è un meme troppo forte sulla pagina fb di what the health….si vedono solo gli scaffali di un supermercato e una voce che scarta ogni cibo uno ad uno dicendo “diabetis, cancer, diabetis, diabetis, cancer…” ahahhahahhha

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...