artrite reumatoide · autoimmunità · condivisione · pazienza · RIFLESSIONI

Pesantitudine inquietudine insofferenza ai farmaci.

Di nuovo in crisi con me stessa, con una realtà che non accetto, e che credo a questo punto non potrò mai accettare.

Non sopporto più il metotrexate, non sopporto di essere intossicata dal cortisone, di non essere me e di non essere lucida.

Non voglio quella roba schifosa dentro di me. Non la voglio nella maniera più assoluta.

Voglio poter star bene anche senza. Voglio farcela da sola. Voglio che il mio corpo faccia quello per cui è sceso qui. Se deve essere per sperimentare questo deve andare bene.

Devo prenderla invece e questo crea un conflitto disumano. Mi toglie concentrazione, calma, stabilità. Fiducia. Mi toglie i colori, gli spruzzi di oro, le linee viola e verdi che ballano dentro di me quando medito, la musica l’incanto la magia che ho dentro che coltivo con passione e fatica.

I farmaci mi tolgono tutto. Come la malattia.

Mi inquinano la mente, sono maledetti serpenti di pensieri o pensieri serpente che strisciano in silenzio occupando ogni spazio vuoto, conquistato con tenacia e dedizione meditando. Rompono il silenzio guadagnato a piccoli passi, piccoli timidi ma con grande intento e fiducia.

Devo ricordarmi di scrivere e pensare in positivo e piantarla di ripetere sempre non. Va a finire che l’Universo si convince che non voglia guarire che non voglia smettere di prendere medicine, che non voglia essere me….

p.s. è facileparlarequandoifarmaci”funzionano”

Voglio essere me.

b8f75d3fec39b81f1632524b2cdc2054

 

Annunci

25 thoughts on “Pesantitudine inquietudine insofferenza ai farmaci.

  1. Rieccomi, Mia madre due sere fa ha preso un capitombolo scendendo dal letto e ha sbattuto contro la chiave dell armadio, tagliandosi sul sopracciglio.
    Nel film di Fantozzi sarebbe stata una scena divertente, a me sono venuti i mal di pancia dall inquietudine di cosa le resterà sotto il cerotto, e dal tanto sangue che le ho dovuto tampone ho avuto un incubo orrendo.
    Dopo cinque anni di ospedale pediatrico vorrei ballare leggera e disinteressarmi di tutto. Invece ci sono cose come questa che non sappiamo curare ci sarebbe voluto ghiaccio subito e una gran pressione, invece lei diceva fai piano e niente punti.
    Anche nel tuo caso ci vorrebbe una terapia poco invasiva e risolutiva, ho letto del tuo intervento dicembre scorso vorrei trovarti una cura tutto e subito e un casco da motociclista a mi madre.

    Liked by 1 persona

  2. Fatti amico il metotrexate, è l’unica soluzione. Pensaci. Come staresti senza di lui e tutti gli altri suoi alleati? Peggio. Come starei io senza la sedia a rotelle? A letto.
    TU SEI TU! Indipendentemente da quello che prendi, che mangi, che pensi. Sei fantastica a prescindere ❤️

    Liked by 1 persona

    1. Amico? Lo odio…..E’ diverso per me, un conto è rompersi qualcosa. Bon lo sai che è rotto, sei sempre tu niente puo cambiarti. I miei gomiti piegati lo so che resteranno piu o meno cosi ma a parte dispiacermi per qualche posizione yoga non mi interessa. Non più. Ci ho lavorato. Sono sempre io ❤ Ma dipendere da un farmaco. Capisci quello che voglio dire? Non so se riesco a spiegarmi…..

      Mi piace

        1. tesoro ho cercato il tuo numero per chiamarti ma ho cambiato telefono qualche mese fa e qualcuno l’ho perso, e allora lo scrivo qui. Purtroppo la parola scritta quando si parla con altre persone non sempre è l’ideale, manca la gestualità, mancano i sorrisi o gli sguardi che integrano e sono essi stessi parole. Quando ho aperto il mio commento, NON STAVO PARLANDO DI TE, ti pare mai che potrei mettermi a fare paragoni tra me e te? E comunque nemmeno tra me, te e chicchessia. Facevo la differenza tra ME (esempio il gomito calcificato) – oppure una persona che ha rotto un’osso e che non tornerà come prima – e chi invece (me? te? altri?) deve accettare di prendere medicine a vita. A me fa stare male. MI fa più male quello del dolore fisico. Qualcuno starà male per un aspetto, qualcun altro per un altro aspetto. Forse a te o a unì’altra persona parrà un’eresia, una cosa stupida folle, da cretini…. ma ognuno fa i conti con le proprie paure, le proprie immaturità se vuoi. Il mio commento non voleva parlare proprio di te ❤ era una riflessione sul fatto che per me dovermi piegare ad un farmaco chimico è peggio del dolore che provo da 20 anni. Parlavo di me. Non parlerei mai per nessun'altro figuriamoci per te …. di cui ho immensa stima. Mi dispiace tanto per l'incomprensione e se ti ha dato l'impressione che facessi un paragone tra noi, ma non è così 😦 e il consiglio lo apprezzo, ci provo credimi…..

          Mi piace

            1. Ci ho pensato anche tutta notte. L’unica cosa che posso dirti è che l’espressione che ho usato poteva essere fraintesa, ma questo è un esempio che io uso spesso ne ho parlato anche nel mio libro quindi NON poteva riferirsi a te. Si riferiva piuttosto a ME. al MIO modo (sbagliato probabilmente) di avere a che fare con le medicine. Rompersi qualcosa è usata anche nel mio libro……possiamo discutere se sia o no giusto esprimersi cosi e se ti sei sentita offesa posso solo chiedere scusa, ma non parlavo di te non so davvero in che altro modo spiegartelo. ❤

              Liked by 1 persona

  3. Era da tempo che non ti leggevo. Purtroppo riesco a stento a stare dietro il mio blog…. Avevo dimenticato certe cose che avevi scritto, che avevo letto.
    Sei forte, si legge fra le righe dei tuoi post.
    Non so cosa si prova, e certamente è tutt’altro che facile.
    Un abbraccio! E a presto.

    Liked by 1 persona

  4. Per altri motivi rispetto ai tuoi, mi sono trovato in passato a dover assumere psicofarmaci.
    Stavo talmente male, che hop preferito tenermi gli attacchi di ansia e di panico piuttosto che prendere quelle pillole malefiche che mi facevano perdere sensibilità, mi rincoglionivano a dismisura e in un certo senso mi snaturalizzavano.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...