artrite · artrite reumatoide · artrite reumatoide · autoimmunità

Thè verde, zenzero, semi di lino e vitamina E.

Buongiorno a tutti,

questo è un articolo preso da Rheumatiod arthritis.net, un altro dei siti americani che supporta i malati di A.R.

L’alimentazione è molto importante per me: ho iniziato a curarla per davvero da dopo che è nato mi figlio A. (12 anni fa). Avevo – volutamente – preso 25 kg. in gravidaza ed avevo deciso che era ora di riprendere in mano la mia vita.

Avevo trovato un articolo in un giornale nella sala d’aspetto della pediatra che parlava della dieta del dott. Agatston e della sua dieta di South Beach. Giusta o sbagliata che fosse l’ho iniziata e ho perso tutti i kg. in più in sei mesi di durissimo lavoro: palestra ogni giorno, passeggiate con il nano in carrozzina, a piedi a fare la spesa e ovviamente cibo sano, niente vino nè super alcolici, nè zuccheri raffinati, e la dieta seguita alla lettera.

Col passare del tempo la dieta si è trasformata in uno stile di vita, ho letto e imparato moltissimo, sono stata vegana per qualche tempo e vegetariana per qualche anno. Ora sono nella fase onnivora (anche se carne ne mangio comunque pochissima).

Ho provato di tutto per l’artrite. Come ho già scritto in Non sembri malata non mi sono mai arresa e mai tirata indietro di fronte a nulla: glucosamina, MSM, artiglio del diavolo, ecc ecc. Non mi sono mai davvero accorta che qualcosa di queste faceva effetto, ma forse perchè le provavo sempre nelle fasi acute della malattia, quelle in cui nemmeno il Voltaren in dosi da cavallo serviva più di tanto.

Ho scovato questo articolo e stavolta voglio provare a vedere se funziona. Sarebbe interessante soprattutto vedere se allevia l’infiammazione bastarda che compare puntualmente qualche giorno prima dell’inizio del ciclo. Per il resto devo ammettere che è un buon periodo (non so dire se grazie ai 4 mesi di metotrexate e orencia, che peraltro non stavano affatto funzionando o se grazie al lavoro che sto facendo su me stessa), a parte come ho detto il periodo pre 🙂

Vi posto più o meno come l’ho trovato l’articolo senza cercare conferme da altre fonti: provenendo da un sito che giudico abbastanza autorevole provo a fidarmi.

Magari potrei tenere un diario e vedere se succede qualcosa …

Una vasta gamma di rimedi naturali ha dimostrato di offrire benefici per le persone con artrite reumatoide. Alcuni dei rimedi a base di erbe naturali più importanti e ben documentati comprendono tè verde, zenzero, olio di lino, la vitamina E e acido gammalinoleico (GLA) 1

Tè verde
 Il tè verde ha alti livelli di antiossidanti potenti chiamati polifenoli (tra cui catechine, antociani e acidi fenolici). Bere tè verde con succo di agrumi, come limone, può aumentare l’effetto antiossidante del tè verde.
Le catechine nel tè verde hanno dimostrato di contrastare gli enzimi che causano la distruzione della cartilagine e artrite, e contribuire a smorzare la risposta infiammatoria diminuendo la produzione dei principali prodotti chimici del sistema immunitario, tra cui il fattore di necrosi tumorale-alfa (TNF-α) in studi su animali. Il tè verde può anche contribuire a rafforzare le ossa.
Anche se il tè verde ha diversi vantaggi potenziali per le persone con RA basati sulle sue proprietà chimiche, non ci sono stati studi clinici sistematici in RA fino ad oggi. Pertanto, non si possono trarre conclusioni definnitive per quanto riguarda i potenziali benefici.
Si può provare a bere una tazza di tè verde al mattino -lasciare raffreddare e aggiungere un po ‘di limone fresco, mettere in frigorifero e poi goderselo come tè freddo per tutta la giornata-. L’aggiunta di tè prima e durante il pasto può anche aiutare ad aumentare il senso di pienezza.


Zenzero e curcuma
Le preparazioni a base di radici e steli della pianta hanno svolto un ruolo importante in Oriente (ad esempio in Cina, India e Giappone). Lo zenzero ha potenti proprietà anti-infiammatorie e antiossidanti. Blocca diverse vie biochimiche coinvolte nel processo infiammatorio cronico inibendo i geni coinvolti nella produzione di prodotti chimici di risposta infiammatoria, tra cui le citochine.
Mentre gli studi umani sullo zenzero sono scarsi, studi di laboratorio su animali suggeriscono che esso può essere utile nel ridurre i sintomi dell’ artrite reumatoide. In colture cellulari, lo zenzero è stato altrettanto efficace nel ridurre l’infiammazione come il betametasone steroidi topici. È stato anche dimostrato che può diminuire il marker dell’infiammazione IL-1β in campioni di sangue umano.
Lo zenzero è facile da aggiungere alla vostra dieta, si può provare zenzero fresco grattuggiato in insalate, tofu, piatti saltati in padella o aggiungerlo fresco per frullati verdi.

Curcuma

Curcuma longa, un rizoma nella stessa famiglia, come lo zenzero, può essere un ancora più potente anti-artritico! Uno studio ha confrontato gli effetti di curcuma, zenzero, e un FANS su ratti con artrite indotta e hanno visto che la curcuma è stato il più efficace nel ridurre i sintomi. La curcuma è il componente principale del curry. Provate ad aggiungere la curcuma al tè, ai frullati, al latte caldo per creare una bevanda d’oro. La curcuma è anche gustosa con le patate dolci, minestre, riso,, verdure arrosto, o piatti di pollo.


Olio di semi di lino
Il lino contiene acido alfa linolenico (ALA), che il corpo può utilizzare per produrre acidi grassi acidi omega-3 docosaesaenoico (DHA) e acido eicosapentaenoico (EPA). La conversione di ALA in EPA e DHA non è molto efficiente, quindi è necessario consumare più olio di lino rispetto all’ olio di pesce.
Gli studi sugli effetti sulla salute di olio di lino sono stati inconcludenti.
Uno studio ha dimostrato che il seme di lino può aiutare a ridurre i marcatori infiammatori, ma non nel modo più efficace cpme invece i supplementi di olio di pesce.

I semi di lino sono disponibili in forma di capsule, come l’olio, o come farina, semolino, o semi. L’olio non deve essere riscaldato, ed i semi devono sempre essere macinati prima del consumo al fine di garantire una corretta digestione. Se si acquista l’olio di semi di lino, conservarlo in frigorifero una volta aperto. Per la massima freschezza usare entro 3 mesi. Si possono anche frullare in modo da romperli e  mangiarne un paio di cucchiaini più volte alla settimana. Sono gustosi mescolati con frutta e yogurt, fatti in casa barrette di cereali, aggiunti a frullati, cereali, farina d’avena o piatti di pollo impanati. Sono anche deliziosi se mescolati con burro di noci e aggiunti adolci di riso croccanti con marmellata.


Vitamina E
Semi di girasole, mandorle, nocciole e burro di arachidi sono buone fonti di vitamina E antiossidante, che può aiutare a diminuire RA dolori articolari. Spinaci, broccoli e kiwi possono anche aumentare il contenuto di vitamina E nella dieta.
Acid gammalinoleico

Un tipo di omega-6 acidi grassi, l’acido gammalinoleico (GLA), è in realtà un anti-infiammatorio e può aiutare a ridurre dolore e gonfiore in pazienti con artrite reumatoide. In uno studio 1.4g di olio di semi di borragine al giorno ha dimostrato di essere efficace. 

curcuma
Curcuma in polvere
Annunci

3 thoughts on “Thè verde, zenzero, semi di lino e vitamina E.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...